Gennaio 2005

La pousada Tremembè è un luogo accogliente ( e un bel progetto) si trova su una splendida spiaggia, in una zona molto bella, tranquilla e isolata, ma su un tratto di costa che ospita in pochi kilometri diverse altre bellissime spiagge; da Tremembè è possibile muoversi con vari mezzi per vedere un sacco di altre cose, nell’area di Icapuì/Aracatì. In 8 giorni, oltre a riposarci, e a godere della spiaggia, del mare, dell’accorglienza in pousada abbiamo cercato di vedere diverse cose…e ci hanno molto colpito l’assentamento do Coquerinho, dove abbiamo trovato una realtà povera ma estremamente positiva e costruttiva, e incontrato belle persone (e un ristorante dove si mangia divinamente); l’accampamento dei Sem Terras di Sao Miguel: un’esperienza di vita, una realtà impressionante, che ci ha colpito la mente e il cuore.E poi, posti meravigliosi davvero, ancora lontani dal giro dei “villaggi turistici Alpitour”, come le spiagge di Punta Grossa e di Redonda dove abbiamo visitato anche il centro giovanile ( peccato non avere potuto assistere ad una rappresentazione del gruppo teatrale, ma c’erano in quei giorni alcuni problemini logistici), o la spiaggia di Canoa Quebrada (questa invece, purtroppo, alquanto “turistica”). Insomma, un’esperienza per noi estremamente positiva, che ci ha permesso di conoscere nuove realtà e belle persone: in particolare, alcune dello “staff” della pousada Tremembè, davvero alla mano, cordiali, disponibili, amichevoli; in particolare Ines, che possiede la dote innata di entrare in comunicazione immediata con le persone, pur parlando solo portoghese (che noi per esempio non parliamo affatto), e che sa sempre regalare un sorriso. Un ringraziamento particolare va a Gabriella, che si trovava a Tremembè durante la nostra permanenza; è stata con noi sempre davvero gentile, accogliente, disponibilissima , e ci ha accompagnato in vari posti agevolando il nostro soggiorno con la sua competenza. Stefano e Elena

Rete Tucum Logo

finestra-donazione

Proposta di soggiorno